IN CORSO

Séminaire FMSH

Au-delà du genre. Parole, corps, politique, désir

(Méditerranée / Caraïbe / Brésil)

Responsable : Christiane Veauvy

Co-responsable : Mireille Azzoug

 

La prochaine séance de notre séminaire aura lieu le lundi 20 novembre de 17h à 19h, à la Maison des Sciences de l’Homme, 54 boulevard Raspail (75006), en salle B1-18 (premier étage).

Nous aurons le plaisir d’accueillir Stefania Tarantino, philosophe féministe de Naples, chercheuse à l’Université l’Orientale et collaboratrice de la Chaire d’Histoire de la philosophie à l’Université “Federico II”. Sa conférence sera intitulée :

“Lectures de Simone Weil dans le mouvement féministe italien”

Philosophe et écrivain française, Simone Weill, dont la vie a été brève (Paris, 1909 – Ashford, Kent, 1943), a laissé une oeuvre très importante, néanmoins mal connue dans son pays natal alors qu’elle a été lue, étudiée, discutée davantage dans plusieurs pays d’Europe occidentale, en particulier en Italie, dans le mouvement féministe et ailleurs.

Le regain d’intérêt qui se manifeste en France à l’égard de Simone Weill et de son oeuvre depuis quelques années nous a incitées à faire appel Stefania Tarantino qui en est une spécialiste (voir ci-dessous son curriculum vitae). Elle introduira sa conférence par une brève rétrospective de ce réveil français et des lectures weilliennes menées en Europe occidentale, puis nous présentera les lectures de Simone Weill à l’oeuvre dans le féminisme italien (voir l’abstract ci-dessous)

Stefania a contribué antérieurement à plusieurs séances de notre séminaire, notamment par une analyse du féminisme italien dans la crise (suite aux rencontres de Paestum) et une présentation des philosophes féministes en Europe du Sud (en collaboration avec Rosa Rius Gattell, Barcelone). Les textes de ces interventions sont disponibles sur internet (Archives audio-visuelles de la recherche, FMSH-AAR).

Nous espérons vous retrouver nombreuses et nombreux à la séance du 20 novembre

Bien cordialement

 

Christiane Veauvy                                       Mireille Azzoug

(veauvy@msh-paris.fr)                             (mireille.azzoug@gmail.com)

 

 

Abstract

La pensée de la différence italienne s’est beaucoup nourrie de la réflexion philosophique de la philosophe française Simone Weil, à la fois parce que sa pensée a plongé jusqu’aux racines de ce qu’a de fallacieux la métaphasique traditionnelle, et parce qu’elle a ouvert la voie d’une politique du symbolique qui s’est révélée extrêmement féconde. Dans mon intervention, je vais essayer de mettre en évidence les concepts weiliens que le féminisme italien a retravaillés dans un dialogue incessant avec elle. Bien que Simone Weil, de son côté, n’ai pas été une féministe et qu’elle ait considéré en fait la différence sexuelle comme un véritable obstacle, elle a épanoui de nombreux possibles intéressant la pensée et la pratique politique des femmes, mais aussi l’humanité entière.

Curriculum vitae

Stefania Tarantino, philosophe de Naples, est chercheuse à l’Université l’Orientale et collaboratrice de la Chaire d’Histoire de la philosophie à l’Université “Federico II”. Elle est titulaire de deux doctorats en philosophie, dont l’un a été obtenu à l’Université de Genève (Suisse) et l’autre à l’Institut des sciences humaines (Naples/Florence). Elle a obtenu la qualification nationale auprès du Ministère de l’éducation et de la recherche universitaires en tant que professeur agrégé en histoire de la philosophie et en philosophie politique. Ses recherches insistent sur l’originalité des femmes philosophes du XXe siècle face à la tradition métaphysique occidentale. Elle a donné des séminaires auprès de l’Institut Italien d’études philosophiques à Naples (www.iisf.it) et participé pendant plusieurs années à l’Ecole de la différence (Scuola estiva della differenza) créée et organisée à Lecce par Marisa Forcina. Elle a donné des conférences sur le féminisme italien dans le séminaire « Genre, politique, sexualité(s). Orient / Occident » dirigé par Christiane Veauvy et Mireille Azzoug à la Fondation Maison des sciences de l’homme; elle a bénéficié d’une invitation de cette institution en tant que DEA (octobre 2014). Elle est membre depuis du 2006 du collectif de la revue online AdaTeoriaFemminista (www.adateoriafemminista.it), fondée par Angela Putino et Lucia Mastrodomenico.

Elle est l’auteure de plusieurs ouvrages et de nombreux articles, parmi lesquels : La libertà in formazione. Studio su Jeanne Hersch e María Zambrano, Mimesis, Milano 2007; Pensiero e giustizia in Simone Weil (sous la direction de), Aracne, Roma 2009; Esercizi di composizione per Angela Putino. Filosofia, differenza sessuale e politica (sous la direction de), Liguori, Napoli 2010; Rosa Rius Gatell & Stefania Tarantino, Philosophie et genre: Réflexions et questions sur la production philosophique féminine en Europe du Sud au XXe siècle (Espagne, Italie), FMSH-WP-2013-40, août 2013 ; Femminismo e Neoliberalismo. Libertà femminile versus  imprenditoria di sé e precarietà (sous la direction de), Natan, Benevento 2014 ; Άνευ μητρός/senza madre. L’anima perduta dell’Europa. Maria Zambrano e Simone Weil, Collana Diotima – Questioni di filosofia e politica, La Scuola di Pitagora, Naples 2014; 2016, Réflexions sur les ascendances kantiennes de la pensée de Simone Weil. Force morale et liberté, in “Revue Tumultes”, Oppressions et liberté. Simone Weil ou la résistance de la pensée, sous la direction de P. Devette – E. Tassin, Editions Kimé, n. 46, Paris; La liberté et l’expérience politique des femmes face à la crise: les féminismes italiens et leurs prolongements au XXIe siècle, in FMSH-WP-2016-112. 2016 <halshs-01306308>; María Zambrano, habitante del mundo y pensadora de la paz, en “Aurora” Papeles del Seminario María Zambrano. Dipartimento di Storia della filosofia di Barcellona, nº 17, 2016; L’obbligo di pensare. Una riflessione a partire da Hannah Arendt, Simone Weil e Jeanne Hersch, in Il diritto alla filosofia. Quale filosofia nel terzo millennio?, sous la direction de L. Candiotto e F. Gambetti, Diogene Multimedia 2016 ; La teoria non è un ombrello. Dieci anni di AdATeoriaFemminista. 2006-2016 (sous la direction de), Orthotes, Napoli 2017; 2018, Chiaroscuri della ragione. L’eredità di Kant nelle filosofe del XX secolo, Guida, Napoli (à paraitre, septembre 2018).

 

Scarica il pdf: Invitation sémin 20 nov 17

E dopo che i telegiornali saranno finiti, gli articoli scritti e letti, i particolari nella loro morbosità rivelati, Noemi diventerà un altro numero che si aggiungerà alle statistiche di questa guerra che sembra non avere fine. E, in effetti, se solo ci pensiamo, così come stanno le cose, siamo molto lontani dal mettere la parola fine a tutto questo. È talmente radicato in profondità questo germe totalitario nel cervello di alcuni uomini che dovrebbero iniziare a inventarsi una nuova cultura e, attraverso di essa, a reiventare se stessi su basi che non sono più solo le loro. Quella che sta alle nostre spalle è, infatti, una cultura troppo sbilanciata, a loro totale favore, che si è nutrita di subalternità, di delirio di onnipotenza, di padronanza su cose ed esseri viventi. La cultura di questi adulti maschi adolescenti che continuano a sbattere i piedi sul tavolo quando non hanno ciò che vogliono e che ti ammazzano, ti violentano come se fosse una cosa normale o, per lo meno, non troppo grave, è un retaggio della storia, della nostra storia. Ma quando la storia è cambiata e questa volta non è andata solo in loro favore, qualcosa ha bucato il loro mutismo e il loro smisurato ego. In quella smisuratezza c’è il pericolo più grande. La fragilità si ammanta di una crudeltà inaudita. Noemi lo sapeva. Lo ha detto e lo ha scritto in ogni modo sopra un volto tumefatto: non si tratta di amore.
La madre non si è limitata a una denuncia su facebook. È andata direttamente nel luogo dove pensava avrebbe trovato ascolto e protezione per sua figlia. Non so come è andata, le indagini spero che chiariranno che cosa accaduto perché è di una gravità assoluta. Spero solo che non le abbiano detto: “Signora, ma è una cosa tra ragazzi, tra adolescenti innamorati. Sapete come vanno queste cose…Vedrà che tutto si sistemerà”.
Se fosse così, avremmo l’ulteriore conferma che non si è capito bene la posta in gioco di questa guerra. Se non è amore, perché, appunto, non lo è affatto, la prima domanda che dobbiamo porci è: di che cosa veramente si tratta? A me sembra che molti maschi di potere e non a questa domanda non vogliono rispondere. Il vaso di pandora non lo vogliono scoperchiare fino in fondo perché forse lì scoprirebbero che quell’Hans (il germe meschino e totalitario) così ben delineato da Ingeborg Bachmann sta ancora a suo agio nella vita di uomini assolutamente normali. Allora che cosa si fa? Si distribuiscono un po’ di palliativi per giustificare la propria coscienza, si offre qualche spicciolo da distribuire qui e la’ (quando c’è e resiste alle infinite emergenze di questo paese), per far vedere che la buona volontà c’è, che pur si fa qualcosa e anche, diciamocelo, per zittire “quelle note e solite donne” che da anni rivendicano fondi per poter operare direttamente sui territori. Poi accade che, quando urlano troppo e fanno casino, c’è l’Arma a metterle in riga e lo fanno da sempre nel peggiore dei modi (quando va bene solo con esternazioni verbali sessiste e maschiliste). Per tutte le cose accadute in questi giorni, mi ha stupito lo stupore di coloro che non riuscivano a credere a ciò che è successo a Firenze. Sembra proprio che tutto ci stia (anche perché è pretesto poi per parlare di altro): i rumeni, il tunisino con la bambina di 11 anni, il marocchino, il bengalese, ma gli uomini dell’arma proprio no! Mi chiedo allora se viviamo nello stesso mondo. Forse no.
La violenza crea voragini mute e piene di risentimento, di rabbia, di odio. Cerco in tutti i modi di non farmi afferrare da questa spirale e sento che mi è sempre più difficile. Come mi piacerebbe dire: ammazziamoli tutti, pena di morte, castrazione, fate schifo tutti, e via dicendo. Ma so che non è così e non è questo ciò che voglio. No, non è questo che voglio da me e non è questo che voglio dagli altri.
Ciò che desidero più di tutto è poter trasmettere alle mie figlie la bellezza del loro sesso, del loro corpo, della loro intelligenza. Ciò che desidero è che non si sentano mai più vittime, mai più sottovalutate e incomprese. Ciò che desidero è che possano scrivere da loro stesse la loro storia e che possano dire si, no, forse, quando vogliono e come vogliono. Che possano tracciare le linee di ciò che desiderano essere, senza impedimenti e senza paura. Ciò che desidero è la loro piena libertà di essere se stesse.
Preservarle dal male per me significa proprio questo.

“In seno alla riflessione sull’intricata e scivolosa «questione umana», interrogativi sono stati i punti di partenza di un cammino dialogico intrapreso dal 20 al 24 marzo 2017 dalla prof.ssa Stefania Tarantino, studiosa delle filosofe del XX secolo, nello spazio pregno di memoria storico-culturale dell’ Istituto Italiano degli Studi Filosofici di Napoli (Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14). Ci hanno accompagnato lungo il percorso pensatori e pensatrici che attraverso la ricerca filosofica si sono addentrati nella chiaroscurale «questione dell’umano» che continua a riemergere energicamente dal profondo delle storie individuali e della storia collettiva”.

Continua a leggere su madrigaleperlucia.org

 

SABATO 18 MARZO
Ore 17:30
Presentazione del libro Terra e parole. Donne/ scritture/ paesaggi
a cura di Roberta Falcone e Serena Guarracino
Intervengono: Marina Vitale e Stefania Tarantino
Coordina: Chiara Guida

Arcadia di Alina Narciso.
Voce Narrante: Alessandra Borgia

Ore 19:30
Premiazione della VIII edizione
Biennale Internazionale di Drammaturgia Femminile “La scrittura della Differenza”

Coordina Lidia Curti – Presidente della Giuria Italiana

Con le autrici:
Sonia Antinori Vincitrice del premio per l’opera E la tua anima sarà guarita.
Federica Iacobelli e Marilena Manicardi per la segnalazione al testo Nelle mani di Anna.

Saluto di Amarilis Gutiérrez Graffe -Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli.

All’Istituto italiano per gli Studi filosofici, prende il via lunedì 20 marzo e proseguirà fino a venerdì 24 marzo, alle ore 16, il seminario Filosofe per la pace, a cura di Stefania Tarantino (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”). Le giornate seminariali saranno scandite come segue:

Lunedì 20: “Pensare la pace”. Una premessa in compagnia di Immanuel Kant e di Umberto Eco; – martedì 21: Guerra e pace in Hannah Arendt; – mercoledì 22: L’empatia che porta al disarmo: Edith Stein; – giovedì 23: Riflessioni sulla guerra e sull’Iliade o il poema della forza di Simone Weil; – venerdì 24: Maria Zambrano. I “luoghi naturali” della condizione umana: pace e libertà.

Il seminario si propone di indagare l’enorme potenzialità creativa insita nelle riflessioni di alcune filosofe del XX secolo. Per loro, infatti, dar vita a un’altra storia è possibile solo a partire da una risignificazione della struttura epistemica occidentale. La posta in gioco è arrivare al superamento di quel germe totalitario sul quale, come sappiamo, la storia ufficiale e tradizionale si fondano. Ma, per cambiare e rettificare il corso della storia, dobbiamo, innanzitutto, cambiare noi stessi e comprendere fino in fondo i meccanismi delle “oscure radici dell’umano”. Un’educazione alla pace comporta lavorare innanzitutto su noi stessi, sulla formazione della nostra soggettività. E significa, anche, imparare a dare il giusto valore alla nostra parzialità, a riconoscere il nostro posto del mondo sapendo di non essere il tutto. Significa dunque fare fino in fondo i conti con la nostra vulnerabilità e con la nostra forza in maniera consapevole e responsabile per tentare di liberarci da tutte quelle forme “assolute” e “totalitarie” che continuano, in un modo o nell’altro, a nutrire il nostro presente.

Il paese delle donne on line

Scarica la locandina 20-24 marzo Tarantino

Muore Gerardo Marotta e noi non possiamo fare altro che chiedere dell’umano. Chiederci che fine ha fatto, che cosa è esattamente. Per lui era “il fondamentale”, la base di ogni sapere, dell’umana ricerca e della ricerca dell’umano. Qualcosa che riguarda il nostro stare al mondo, la qualità della nostra vita, della pasta di ciò che siamo. Sapeva che solo attraverso la cultura lo possiamo nutrire e che solo da questo nutrimento possono nascere relazioni sane, una politica onesta, una scienza grande e profonda. Dalla fonte da cui sceglieremo di bere decideremo che cosa essere: dimentichi di noi stessi e di ciò che ci sta intorno o rammemoranti. Tra Lete e Mnemosyne abbiamo sempre tra le mani il gomitolo del nostro destino e lui voleva che questa piccola porzione di possibilità non fosse sprecata. La generosità era tutta concentrata nel suo volto, nella sua straordinaria capacità di darti un’attenzione totale e rivolta proprio a te. Con lui mi sono sentita sempre “importante” e dopo le nostre conversazioni uscivo più leggera, appassionata e convinta più che mai di quello che facevo. Anche quando sembrava distratto, avvolto dallo spessore delle coperte, non perdeva mai un colpo. Tanto che una volta che andai a trovarlo a casa sua per parlargli delle mie ricerche, di ciò che stavo facendo, vedendolo appisolato, smisi di parlare per non disturbarlo, ma lui prontamente mi disse: “continui, Tarantino, la sto seguendo e ascoltando con interesse”. E mi ridava il filo su cui mi ero interrotta. Ognuno/a di noi che l’ha conosciuto e frequentato porterà sempre con sé un pezzo di questo grandissimo uomo. Grazie carissimo avvocato, grazie soprattutto per il bene enorme che mi hai dato.

Un saggio su Maria Zambrano pubblicato sulla rivista Aurora (Università di Barcellona)

María Zambrano, habitante del mundo y pensadora de la paz

…El verdadero monstruo que debemos combatir es esta parte tiránica, despótica, fascista e imperialista que nos circunda por
completo de las formas más diversas y que da lugar a guerras. Deconstruir aquel «funcionamiento fascista de la inteligencia; una utilización del poder de la inteligencia y sobre todo el poder de enmascarar, de falsificar, que tiene la inteligencia» y que sigue nutriendo las guerras. Es esto lo que tenemos que empezar a transformar para abrir la puerta a otra política y a otra historia.

Scarica il pdf

24 gennaio 2016 – Ubik – Napoli

Partire dalla vita concreta, dalla fisicità dei nostri corpi, dalle contraddizioni poste dai nostri più intimi desideri. Aprire conflitti laddove l’uniformità ci schiaccia su modelli che ci tolgono il respiro e la libertà di essere pienamente noi stesse. Nella presentazione di stasera partirò da alcune parole che sono risuonate potenti nella lettura che ho fatto del libro di Tristana Dini.

 

 

 

Una mia recensione al libro: Cambiare (il) lavoro. Indagine tra necessità e desideri,

a cura di Roberta Di Bella e Romina Pistone,

Qanat, Palermo 2016.

“Ecco perché vorrei concludere questa recensione riprendendo l’incipit del romanzo di Virginia Woolf, Gita al faro, citato nell’intervista di Delia Altavilla. Ciò che per un uomo non si può fare perché irragionevole (non si esce mica con l’aria di tempesta che sta arrivando!) per una donna è invece possibile (si può uscire lo stesso, anche se c’è aria di tempesta!). Parlare di lavoro, provare a cambiare (il) lavoro, porta aria di tempesta. Ebbene, nonostante la pioggia, il vento forte, i fulmini e i lampi, le donne sono già da tempo in cammino, proprio in direzione di quel faro, e nel pieno di una tempesta che non le spaventa!”

Per amore del mondo

Scarica il pdf

martedì 22 novembre 2016 ore 18:00 – l’asilo
DONNE E COSTITUZIONE
discussione aperta sul referendum costituzionale del 4 dicembre

interventi di Maria Luisa Boccia, Anna Fava, Chiara Guida. Modera: Stefania Tarantino

L’incontro sarà l’occasione per approfondire il rapporto tra “donne e costituzione”. Di fronte al bivio posto dal referendum costituzionale del 4 dicembre tra una democrazia inclusiva, per cui tutti sono chiamati a partecipare alle decisioni collettive, e una di tipo pastorale, per cui il governo guida il popolo, siamo chiamati tutte e tutti ad un confronto critico e serratoche. Il referendum non sarà di certo un punto d’arrivo delle nostre discussioni, ma a nostro avviso può essere il punto di partenza per una grande riflessione sull’attuazione della Costituzione repubblicana e dei diritti e delle libertà da essa garantiti.

approfondisci sul sito http://www.exasilofilangieri.it/donne-costituzione-discussione-sul-referendum-del-4-dicembre/
__
l’Asilo è uno spazio pubblico autogovernato da lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura. Tutte le iniziative sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale.

Si trova in vico Giuseppe Maffei (traversa di San Gregorio Armento) Napoli
www.exasilofilangieri.it

 

asilo-ref4

Cinquemila quattrocento chilometri ci separano dal villaggio rurale di Chibok. Nell’aprile del 2014 276 giovani ragazze sono state rapite dagli estremisti islamici di Boko Haram nel liceo in cui stavano studiando. Qualche giorno fa ho sentito che il governo è riuscito a liberarne 21 dopo una lunga trattativa in cui, in cambio, ha dovuto rilasciare quattro miliziani jihadisti. Tra queste 21 giovani ragazze molte hanno avuto un figlio/a o stanno per averne. Solo tre sono tornate senza prole e non gravide. Una storia assurda che, come tante, ci restituisce tutta la violenza di questo nostro presente e dei tempi oscuri, terribili, che stiamo vivendo e che, soprattutto stanno vivendo altre e altri. Non voglio fare qui un racconto di cronaca, le poche notizie che si hanno su questo rapimento/stupro di massa si possono trovare su Internet. Si tratta comunque di notizie confuse, di numeri approssimativi, di resoconti contradditori…

Continua a leggere l’articolo su Madrigaleperlucia.org

“In molte si sono incontrate, per oltre due anni, ogni giovedì pomeriggio a Palazzetto Urban del Comune di Napoli, singole o associazioni, gruppi o collettivi, e hanno elaborano un programma politico-culturale in comune. Si sono affiancate per la costituzione di un’assemblea di donne: l’Assemblea delle donne per la restituzione. Per restituire, non solo visibilità, ma principalmente reddito, come risorsa per le tante relazioni politiche culturali e artistiche in città, un circuito di riproduzione della vita degna”.

Leggi tutto

 

foto casa donne

La relazione tra donne e uomini liberi è più importante di qualsiasi verità. Questo è ciò che pensava un autore molto apprezzato da Hannah Arendt, Gotthold Ephraim Lessing. Non solo, nelle sue opere, scelse di non sottostare al rigore della logica e della coerenza dialettica, ma preferì gettare nel mondo qualche fermenta cognitionis piuttosto che sentenze irrevocabili e definitive. Suo obiettivo principale era quello di incoraggiare ciascuno e ciascuna di noi a pensare da sé. Leggi tutto

 

Près de quarante ans nous séparent de la première rencontre nationale de Paestum (1976) ; les deux rencontres nationales organisées à Paestum respectivement en 2012 (par les féministes actives dans les années ’70 : Primum vivre même dans la crise. La révolution nécessaire. Le défi féministe dans le cœur de la politique) et en 2013 (par les féministes nées dans les années ’70 : Libera ergo sum. La révolution nécessaire. Le défi féministe dans le cœur de la politique), ont mis en lumière l’urgence de se retrouver pour comprendre ensemble les nouvelles formes de pratiques politiques à impulser face aux contradictions du temps présent. Il ne s’agit absolument pas de créer un sujet défini, réduit à une seule voix, mais tout au
contraire de récupérer la force plurielle et variée des voix qui émergent à partir d’un sentiment et d’un désir partagé : donner une orientation différente à la vie de ce pays, en sachant que c’est seulement dans des relations « incarnées » que la singularité devient efficace, pour et dans la recherche de nouvelles pratiques politiques.

La liberté et l’expérience politique des femmes face à la crise: les féminismes italiens et leurs prolongements au XXIe siècle.

In questo saggio è messa in luce la profonda influenza che Socrate e Kant hannoavuto sul pensiero di Hannah Arendt. Infatti, l’elaborazione di una nuova filosofia politica è possibile, a suo avviso, soltanto attraverso un nuovo contatto tra verità e politica e attraverso un rinnovato senso della pluralità umana, della coesistenza e della condivisione. La Arendt elogia l’eccezione di questi due filosofi che, seppur così diversi e lontani nel tempo, condividono una concezione della pluralità umana fondata sulla
differenza e, con essa, inaugurano una idea della politica intesa come infra, tra, come spazio di mediazione aperto e in comune.

Leggi la rivista e il mio saggio a p. 98: Per un sapere plurale e condiviso. Hannah Arendt lettrice di Socrate e Kant.

iisf

11/15 aprile 2016 ore 16.30

Istituto Italiano per gli studi filosofici

Via Monte di Dio, 14

Napoli

Seminario a cura di Stefania Tarantino

Leggi tutte le informazioni sul seminario

 

Si è svolto dall’11 al 15 aprile 2016 il seminario dal titolo “Genere, sesso, sessualità. Sviluppi attuali del femminismo contemporaneo” svoltosi presso l’Istituto Italiano per gli studi filosofici di Napoli (ore 16), in cui abbiamo attraversato il pensiero di alcune femministe contemporanee: Judith Butler, Rosi Braidotti, Julia Kristeva, Luce Irigaray e, per l’incontro di chiusura di oggi pomeriggio, Luisa Muraro. Sono partita spiegando le ragioni che mi hanno spinta a proporre questo programma. Innanzitutto la necessità di aprire uno spazio di approfondimento in un momento di grande confusione caratterizzato soprattutto da aggressività e arroganza diffusa. Poi, il fatto che nonostante le grandi differenze, queste donne hanno inteso il femminismo come una pratica di trasformazione non solo del proprio sé ma della realtà tutta intera, decostruendo con i loro discorsi quell’ontologia individualista e proprietaria che caratterizza la storia occidentale. Intendere l’ontologia in senso relazionale, significa rendere conto dell’irreversibile complessità di ciò che siamo e dell’impossibilità di riduzione di ciascuna/o di noi al tutto. Ho indicato come metodo di lavoro il tenere insieme la distinzione segnalata da Angela Putino tra interpretazione e aderenza. L’interpretazione segna un percorso in un testo altrui, l’aderenza, invece, va a riscrivere il testo altrui. Normalmente siamo abituate/i a restare nell’interpretazione e nella fedeltà ai testi non tenendo conto del nostro apporto creativo. L’elemento dell’aderenza, invece, ci consente di agire creativamente sui testi a partire da ciò che essi smuovono e suscitano in noi. Altro punto che ho segnalato è la necessità di sperimentare la nostra stessa estraneità rispetto a ciò che già sappiamo, ai saperi e ai discorsi già dati. Sospendere tutto ciò che è scontato per fare del non abituale qualcosa di importante visto che solo così abbiamo la possibilità di vedere dell’altro rispetto a ciò che già vedevamo. In questo senso, il darci un taglio, rappresenta davvero una risorsa utile per il pensare stesso e per pensare differentemente. Se il femminismo ha sempre criticato e smantellato il potere assunto da una voce unica e incontrastata, si tratta oggi di capire come, di fronte alla pluralità di posizioni così diverse e conflittuali, in cui a volte sembra che ognuna/o abbia a cuore solo la rivendicazione a sé di qualcosa, sia possibile realmente confrontarsi per tirare fuori quella forza positiva e affermativa di cui abbiamo bisogno. Stefania Tarantino

Qualche riflessione di Tuula Haapiainen sul seminario. Leggi

«Con chi desideriamo stare in compagnia? Ho cercato di mostrarvi che le nostre decisioni sul bene e il male dipendono dalla scelta dei nostri compagni, di coloro con cui vogliamo passare il resto dei nostri giorni.»

E’ a partire da questa riflessione di Hannah Arendt che lo scorso 17 marzo la filosofa Stefania Tarantino ha tenuto a Napoli una lezione dal titolo «L’interpretazione di Hannah Arendt del sensus communis di Kant», nell’ambito delle iniziative del Café Philo, coordinato da Rita Felerico, quest’anno dedicato al rapporto tra etica e cittadinanza.

Ho ascoltato con passione la lectio di Stefania Tarantino e, da storica,  ho riflettuto sul fatto che la centralità di una comunità formata da individui capaci di esercitare un giudizio morale indipendente è al centro anche di alcune recenti ricerche, inserite nel filone dei cultural studies, relative a quella che è stata definita “l’invenzione” dei diritti umani.

Leggi tutta l’intervista a Stefania Tarantino di Maria Rosaria De Rosa

Report su Fuori centro Scampia

L’Europa delle Città Vicine
è il titolo del convegno che ha visto, domenica 21 febbraio 2016 alla Casa Internazionale delle donne
di Roma, circa centoventi donne e uomini, più donne che uomini, provenienti da molte città, misurarsi sulla crisi dell’Europa e
sulle prospettive e possibilità, a partire dalle esperienze già in atto, di aprire nuove vie per un’Europa più vicina alle vite, ai
bisogni, ai desideri.

Leggi il report di Franca Fortunato

 

Libreria delle donne di Milano

Le séminaire de recherche interdisciplinaire-international “Au-delà du genre. Parole, corps, politique, désir” (Méditerranée / Caraïbe / Brésil) accueillera Alain Touraine, Sociologue de renommée internationale, auteur d’une quarantaine d’ouvrages dont la plupart sont traduits en plusieurs langues, sa conférence sera intitulée :

Les nouvelles formes de pouvoir dans les sociétés de communication et les mouvements pour la défense du sujet et la lutte contre la dé-subjectivation“.

9 marzo 2016

FMSH

Locandina della presentazione

 

Touraine

 

 

 

“En un momento de profunda crisis del proyecto europeo, y precisamente porque toda crisis es una oportunidad para volver a empezar, celebramos la aparición del nuevo libro de Stefania Tarantino, que nos proporciona criterios con que enjuiciar la situación actual y tratar de abrir nuevos horizontes al pensamiento filosófico y a la práctica política, repensando Europa desde su propio origen. María Zambrano y Simone Weil son los hilos conductores para este reencuentro con las raíces frustradas de nuestra civilización, partiendo de la convicción de que estos vestigios ocultos y olvidados, no por aparentemente fracasados son menos reales que los que han resultado triunfantes en la cultura occidental”.

Leggi tutta la recensione di Emilia Bea

 

Vai al link della rivista Aurora

“Il bel libro di Stefania Tarantino su María Zambrano e Simone Weil si fa apprezzare per almeno due motivi: in primo luogo, per la felice intuizione di leggere parallelamente il pensiero di queste due filosofe del Novecento, accomunate, nonostante la diversità dei loro percorsi, da alcune affinità profonde; in secondo luogo, per il rilancio della scommessa del pensiero della differenza sessuale come chiave di lettura feconda per interpretare due autrici che, pure, non furono femministe.

Il testo è diviso in due parti, la prima dedicata a María Zambrano, la seconda a Simone Weil: il confronto, lungo il testo, è per lo più suggerito attraverso brevi rimandi, mentre è sviluppato esplicitamente nella conclusione”.

Leggi tutta la recensione di Wanda Tommasi al mio libro sul sito di Diotima

 

Recensione di Wanda Tommasi in pdf

diotimacom

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Giovedì 26 nov ore 16.30 al Pan di Napoli ci sarà un incontro-dibattito dal titolo Le parole delle donne” nell’ambito degli eventi organizzati dalla Consulta delle Elette del Comune di Napoli. Discuteremo dei temi dei libri di Stefania Tarantino “Senza Madre”. L’anima perduta dell’Europa (ed. La Scuola di Pitagora) e del libro di Marcella Torre “Latte Materno? Si, grazie”.

Vi aspettiamo numerose!

Qui il programma di tutti gli eventi

 

putesseessereallera

 

Stefania Tarantino (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”)
GENERE, SESSO, SESSUALITÀ: SVILUPPI ATTUALI DEL FEMMINISMO CONTEMPORANEO
11-15 aprile 2016.
Per una futura articolazione dell’umano in Judith Butler –
Il postumano di Rosi Braidotti –
Il genio femminile di Julia Kristeva –
La natura a due in Luce Irigaray –
Ordine sociale e ordine simbolico in Luisa Muraro
Laddove possibile sarà prevista una videoconferenze con le autrici di riferimento.
Scuola di Minturno
In collaborazione con il Liceo Scientifico “L.B. Alberti” di Minturno e con l’Associazione Culturale “Grido Libero” di Formia
VOCAZIONE FILOSOFICA E PRESENZA AL PROPRIO TEMPO
Lunedì 5 ottobre Amato Polidoro (Dirigente Scolastico) Nilo Cardillo (Dirigente scolastico):
Introduzione
Stefania Tarantino (Università degli Studi di Napoli L’Orientale):
La questione dei diritti umani secondo Jeanne Hersch
Martedì 6 ottobre
Teoria del giudizio politico in Hannah Arendt
Nicola Terracciano (Dirigente scolastico): Conclusioni
Direzione e Coordinamento: Prof. Amato Polidoro, (Dirigente Scolastico, Liceo Scientifico L. B. Alberti di Minturno, Tel. 0771680620
per altre informazioni si rimanda alla pagina dell’Istituto Italiano per gli studi filosofici

In relazione: perché? E soprattutto come? Bioetica, biopolitica e tanatopolitica

XIII Edizione Scuola Estiva della Differenza

7 – 10 settembre 2015

Monastero delle Benedettine
Piazzetta Conte Accardo – Lecce

Essere in relazione: pratica politica femminile tematizzata già quarant’anni fa, ma che si presenta con l’urgenza di essere ripensata, non tanto nella direzione di una prospettiva democratica, che risponderebbe alla domanda “perché?”, ma nella direzione di un come che corrisponde meglio alla pratica della differenza. Un come che fa trasparire il metodo nuovo che non è più quello dei saperi e delle discipline esterne che pretendono di rappresentare l’universalità, ma un metodo che si affida a un sapere plurale e pure condiviso, perché sentito, sperimentato in prima persona e insieme percepito come comune.

L’anno scorso, nella “Scuola Estiva della Differenza” eravamo partite dal desiderio di fare il punto su ciò che è davvero essenziale nelle nostre vite di donne. In una società sempre in crisi e sempre pronta a rimescolare sicurezze e strategie, in molte avevamo sottolineato il desiderio di poter far leva sulla forza che è molla per la nostra libertà. Ed è imprescindibile. Fedeli al progetto di essere sempre nel tempo, continuiamo quest’anno a interrogarci sul come accedere a questo nocciolo di verità e libertà che riconosciamo essere tra noi, ma che ci è presentato, sempre più spesso, avvolto in modo contraddittorio in un involucro apparentemente logico, garantito da norme e discipline e saperi specializzati, e tanto perfettamente calibrato quanto svuotante e insensato.

Continuiamo a interrogarci sul perché quel nocciolo di verità, quanto più ci è proposto come assoluto tanto più lo percepiamo come un qualcosa di astratto, che prescinde dai nostri corpi e dai nostri desideri e ci offre certezze a buon mercato e libertà individuali incapaci di modificare alcun paradigma. Continuiamo a interrogarci sul perché quella che viene rappresentata come una parvenza di ripresa economica, istituzionale e di costume appaia a sua volta come una nuova manovra gestita dalla crisi economica internazionale, che ha bisogno di darci sicurezza per mantenerci in stallo. Abbiamo imparato a leggere e decostruire paradigmi istituzionalizzati, stiamo imparando con sapienza e pazienza ad accedere a quei nuclei di verità incartati in opacità pesanti, ma soprattutto abbiamo imparato che l’amore per la libertà, come ogni amore, non può essere un’esperienza che si fa da sole, da soli: per amare bisogna essere in relazione, in solitudine proprio non si può. In una società con parametri economici, lavorativi e dottrinari decisi da uomini per uomini, l’essere in relazione aiuta a dare risposte a questi tanti perché. Ma come si sta nella relazione? nella pluralità della relazione, non nella relazione di appartenenza, si può costruire il proprio radicamento. È nella pluralità della relazione che si trova nutrimento e sicurezza per le proprie scelte, è nella relazione che si possono compiere scelte condivise. Nella relazione impariamo l’ascolto e nella relazione siamo aiutati a muoverci tra più sicuri percorsi di autenticità e, perché no, anche più certi sentieri di felicità…

Programma:

7 settembre 2015

9.00 Inaugurazione della Scuola – Saluti delle Autorità
Claudia Summa, Pari Opportunità Università del Salento
Serenella Molendini, Consigliera di parità Regione Puglia

10.00 In relazione, perché? – Marisa Forcina, Università del Salento
Nel labirinto del pensiero – Francesca Brezzi, Università Roma Tre
Mistica e politica. una relazione impossibile? – Anonietta Potente, teologa
Il sogno dell’assoluta autonomia – Fina Birules, Università di Barcellona

15.00 Iscrizione ai laboratori
Meditazione (Suor Luciana)
Coro (Danila De Leo) Università del Salento

16.00 Che “genere” di bioetica? – Luisella Battaglia, Università di Genova
Porque soy una nina – Maria Dolors Molas, Università di Barcellona
Giochi e contatto fisico nei topi con Alzheimer, Lidia Gimenez, Università di Barcellona

8 settembre 2015

9.00
Esitare, perché? – Donatella Grasso, Università del Salento
Perché tre? – suor Luciana, Monastero delle Benedettine
In genere – Geneviève Fraisse, CNRS France

15.00 Laboratori

17.00
Vicino oriente: mistica e politica – Samuela Pagani, Università del Salento
Relazioni nel Postpatriarcato – Irene Strazzeri, Università di Foggia
Oltre i confini – Alessandra Chiricosta, Università Roma Tre

9 settembre 2015

9.00
Corrispondenze – Elena Laurenzi, Università di Barcellona
Tu falla ridere… perché – Fiorella Cagnoni, scrittrice
Parole musica e politica alla fine degli anni ’60 – Laura Pisano, Università di Cagliari

15.00 Laboratori

17.00
Femminismo e neoliberalismo – Tristana Dini, Università di Salerno
Europa senza madre – Stefania Tarantino, Università di Napoli L’Orientale
Nell’arte: quali relazioni? – Pina Nuzzo, pittirice

10 settembre 2015

9.00
Repensar la comunidad – Marhta Segarra, Università di Barcellona
Il trucco – Ida Dominijanni
Autorità e/è relazione – Luisa Muraro, Libreria delle Donne di Milano

15.00 Laboratori

17.00
Conclusioni – relazioni dei/delle partecipanti
Gruppi di discussione
Prova finale del coro

INFO

La scuola, che ha come meta quella di sperimentare in gruppo un itinerario che sia insieme culturale, politico, spirituale, nelle ore pomeridiane, dalle 15 alle 17, prima dell’inizio dei lavori prevede due laboratori: uno di meditazione e preghiera e un altro di canto in coro. A chi ne farà richiesta, avendo frequentato tutte le 43 ore di lezioni e seminari e avendo stilato una relazione finale, verrà rilasciato un attestato di partecipazione valido per tutti gli usi consentiti dalla legge, essendo la scuola attività di aggiornamento e formazione riconosciuta dall’Università del Salento. Per legli studenti dell’Università del Salento che presenteranno anche un elaborato scritto, l’attestato indicherà il numero di crediti che le singole Facoltà avranno deciso di riconoscere al percorso formativo offerto dalla scuola. La scuola è a numero chiuso: 30 posti sono riservati alleagli studenti dell’Università del Salento, 20 al personale docente o tecnico amministrativo dello stesso Ateneo salentino, 20 alleagli studenti dell’Università di Roma Tre, e 30 sono i posti per legli esterni. L’iscrizione prevede un versamento di 150 euro e comprende il volume degli atti della precedente edizione e le quote per i pranzi dall’7 al 10 settembre. La scuola si impegna a fornire indicazioni su B&B convenzionati per l’occasione al prezzo speciale di 30 euro a notte. Per legli studenti e per il personale dell’Università del Salento la quota di iscrizione ammonta a 35 euro. La comunità delle Benedettine partecipa all’iniziativa offrendo la collaborazione editoriale e l’organizzazione degli incontri comuni.

Le iscrizioni vanno indirizzate alla segreteria:
Tel. 0832 296310 – 339 1049259 – marisa.forcina@unisalento.it

“…Stefania Tarantino mette in luce come la sua filosofia in atto e pratica infranga la fortezza della filosofia tradizionale con una peculiare energia di guerriera – nel senso di azione inventiva (Angela Putino) – che le permetterà fra l’altro nei suoi ultimi mesi, chiusa in un piccolo ufficio della Resistenza francese in esilio a Londra, di tracciare pensieri fondamentali per concepire un nuovo modo di vivere e di convivere…”

 

Leggi tutto sul sito di Adateoriafemminista

Desideriamo che un negoziato tra la Grecia e gli altri Paesi dell’ UE si apra all’insegna di una rigenerata fiducia per superare precedenti paradigmi alimentati da uno sterile pensiero unico.

Suggeriamo ai Capi di Stato e Governo Europei di leggere e meditare a fondo sia l’enciclica di Papa Francesco “Laudato sì”, sia il testo “Senza madre. L’anima perduta dell’Europa” della filosofa Stefania Tarantino, testi straordinariamente illuminanti.

 

COMUNICATO STAMPA

Venerdì 6 marzo – ore 17.30
Circolo della Rosa, Santa Felicita 13, Verona

Presentazione del libro

Femminismo e neoliberalismo. Libertà femminile versus imprenditoria di sè, Natan Edizioni, 2014.

Il libro viene presentato da Sara Bigardi, Olivia Guaraldo e Diana Sartori.

Sono presenti a discutere le due curatrici: Tristana Dini e Stefania Tarantino.

Martedì 10 marzo alle ore 17.30

presso L’ASILO

vico Giuseppe Maffei 4 (nei pressi di via San Gregorio Armeno)

Napoli

Aldo Masullo e Alessandra Bocchetti presenteranno il libro “Aneu metros/Senza madre. L’anima perduta dell’Europa. María Zambrano e Simone Weil”. (La scuola di Pitagora editrice, 2014) di Stefania Tarantino.
L’incontro sarà moderato da Chiara Guida con letture di passi scelti a cura di Valentina Acca.

A seguire (ore 21.00) il concerto del duo Ardesia, con Stefania Tarantino (voce e tastiera), Claudia Scuro (voce e chitarra).

 

Libreria delle donne

via Pietro Calvi 29, Milano

7 marzo 2015 ore 18.00

 

Femminismo tremendamente vivo. Continua il ciclo degli incontri dedicati al femminismo.

Lavoro, socialità, affetti, progetti, voglia di esserci e contare: la nostra vita di tutti i giorni sta in un sistema che mira al cuore della soggettività, delle relazioni, dei desideri. In che modo la politica delle donne oggi può schivare la presa neoliberale e rilanciare la libertà femminile? Tristana Dini e Stefania Tarantino ne parlano con Laura Colombo e Sara Gandini a partire da due libri: Femminismo e neoliberalismo. Libertà femminile versus imprenditoria di sé e precarietà (Natan 2014) di cui sono le curatrici e Aneu metròs/senza madre. L’anima perduta dell’Europa. Maria Zambrano e Simone Weil di Stefania Tarantino (La scuola di Pitagora 2014).

Maternafest

 

 

MaterNa Fest
il primo festival dedicato alla libertà di scelta delle donne napoletane!! Passateparola!!

Ore 17.30
Incontro Pubblico
MATERNITA’? VOGLIO SCEGLIERE IO
Come garantire la libera scelta delle donne nel momento del parto

In concomitanza: Laboratori di riciclo creativo per bambini

Ore 20.30 Cena

Ore 21.30 Concerto

Marzouk Mejri e Charles Ferries

Duo Ardesia
Stefania Tarantino e Claudia Scuro

Partecipano: Consultorio Stella, Associazione Terra Prena, Comitato Centro Storico Diritti-Salute-Ambiente, Comitato Ospedale San Gennaro, Giardino Liberato di Materdei, Freedom For Birth – Rome Action Group, Rete del Rione Sanità

Perchè MaterNa Fest?

Questa iniziativa nasce dall’esigenza comune delle donne campane di contrastare l’eccessiva “medicalizzazione” della gravidanza e del parto.
Negli ultimi cinquant’anni questo atteggiamento dei sanitari ha trasformato la gravidanza in una malattia e la donna incinta in una paziente e risulta sempre più difficile per le donne esercitare una reale possibilità di scelta.
Quali strumenti offrire dunque per favorire SALUTE e LIBERTA’ riguardo alla nascita e tutelare il principio di autodeterminazione delle donne in tutti i momenti della loro vita sessuale e riproduttiva?

L’incontro è aperto a tutti: donne, madri, padri, nonni, ostetriche, medici (pediatri, ginecologi, anestesisti), psicologi, infermiere dei reparti maternità e a tutti i sostenitori di una nascita libera e consapevole

“La libertà in un paese può essere misurata dalla libertà della nascita”. Agnes Gereb

 

10562511_873286836023619_8207768509590599773_o

E’ uscito il libro dal titolo: άνευ µητρός/senza madre L’anima perduta dell’Europa. Maria Zambrano e Simone Weil. La scuola di Pitagora editrice,  Collana Diotima Questioni di filosofia e politica, Napoli 2014.

Dove acquistarlo:

Direttamente presso l’editore

Su IBS

 

d15r

 

 

La ricerca di Stefania Tarantino porta alla luce le riflessioni di María Zambrano e di Simone Weil sull’origine della violenza europea, reinterpretando alcuni luoghi fondativi del pensiero occidentale. Vissute controcorrente nella bufera del Novecento, le due filosofe, seppur in maniera diversa, hanno mostrato i meccanismi che hanno modellato la struttura simbolica del dominio, della superbia della metafisica occidentale nei confronti della materialità del corpo materno. Tutto ciò ha determinato un oltrepassamento senza misura dei limiti imposti alla condizione umana, a favore di una oggettivazione intellettuale sempre più calcolante della natura umana e della realtà. La svalutazione del corpo-materia ha provocato la distruzione di quegli antichi saperi che, inizialmente, riguardavano la connessione originaria di corpo, anima e mondo. Madre, materia, misura, simbolizzano la generazione di ogni cosa nella sua misura, nella giusta separazione, la manifestazione ordinata ed equilibrata delle cose e degli esseri attraverso un principio generatore.
Solo quando si sarà liberata dall’ossessione di poter fare a meno di ciò che la rende vulnerabile, l’Europa riuscirà a rigenerare se stessa e ad attingere a una forza inedita.

Stefania Tarantino è filosofa e musicista. Svolge la sua attività di ricerca presso l’Università di Napoli “L’Orientale” e collabora con la cattedra di Storia della Filosofia dell’Università “Federico II” di Napoli. Il suo lavoro è incentrato soprattutto sulle filosofe del XX secolo e sulla problematizzazione della differenza sessuale all’interno della storia della filosofia e del pensiero politico contemporaneo.

 

 

Che cos’è libertà? Un confronto su Femminismo e Neoliberalismo

Lunedi 27 ottobre, ore 15:30

Sala della Mercede della Camera dei Deputati

Via della Mercede 55, Roma

Che cos’è libertà?

Un confronto a partire dal libro “Femminismo e Neoliberalismo. Libertà femminile versus imprenditoria di sé e precarietà“, a cura di Tristana Dini e Stefania Tarantino e pubblicato da Natan Edizioni (2014).

Intervengono

Maria Luisa Boccia – Lorenzo Coccoli – Tamar Pitch

L’accesso alla sala è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

Si ricorda che per gli uomini è previsto l’obbligo di indossare la giacca.

Clicca qui per leggere la scheda del libro sul sito dell’editore

Clicca qui per visualizzare la locandina

Immerse nella dimensione economico-esistenziale imposta dal neoliberalismo, le nostre vite sembrano schiacciate contro il malinconico orizzonte di cartone privo di prospettiva disegnato dalla crisi economica e dalla crisi della dimensione collettiva della politica. Anche i movimenti sociali sono in affanno, faticano ad aver presa sul reale. Come salvarsi, quando il corpo-mente assume il ruolo del capitale-fisso, diventando il terminale materiale e sensibile delle imposizioni della precarietà in termini di auto-sfruttamento e auto-normazione? Parole e gesti si vanno trasformando in una forma di scambio, agito da una soggettività che si concepisce come un’impresa e che perciò, come un’impresa, deve saperla amministrare…

Leggi tutto

iisf

13-16 aprile 2015
Stefania Tarantino
(Università di Napoli L’Orientale):
CON KANT, OLTRE KANT:  LA QUESTIONE DELLA LIBERTÀ NELLA FILOSOFIA DEL XX SECOLO
Lunedì 13: Jeanne Hersch filosofa della libertà. – Martedì 14: Necessità e libertà in Simone Weil. – Mercoledì 15: La libertà come praxis in Hannah Arendt. – Giovedì 16: La vocazione alla libertà: l’esempio di Antigone in Maria Zambrano.

TARANTINO

 

Istituto2

Programma completo delle lezioni dell’Istituto

copertina fem e neo

 

In epoca di “femminilizzazione del lavoro” e di piena razionalità neoliberale – economica e di governo – che ne è della soggettività femminile messa al lavoro produttivo ma deprivata del senso della propria esperienza in quanto inscritta in un tempo e in un lavoro frantumato, molteplice, disperso? Nel passaggio dal liberismo al neoliberismo è stato sostituito il piano oggettivo del mercato e dell’economia con il piano soggettivo, si è passati da un registro di scambi e di strutture alla dimensione soggettiva dell’ “imprenditoria di sé”. Quale ruolo assumono le donne in questo quadro? Il femminismo rappresenta ancora un punto di critica radicale a questo “sistema”? Quale futuro attende la “libertà femminile” messa alla prova dalla governamentalità neoliberale? domande, articolate e complesse, cui i contributi del volume cercano di rispondere.

 
Eugenia Parise
Presentazione

Stefania Tarantino
Introduzione

1 Tristana Dini
Per una politica della vita materiale.
Il femminismo alla prova del neoliberalismo

2 Laura Bazzicalupo
Neoliberalismo e soggettivazioni femminili

3 Ida Dominijanni
Libertà precaria

4 Maria Rosaria Garofalo
Sviluppo umano e parità di genere:
l’approccio del social provisioning

5 Marisa Forcina
Capitale, lavoro, cittadinanza.
Le risposte del pensiero femminile alla triade della democrazia del Novecento

6 Elettra Stimilli
Cura e debito: quale assoggettamento
nell’epoca della ‘femminilizzazione’
del lavoro?

7 Federica Giardini
Differenza e conflitto.Un aggiornamento

8 Marianna Esposito
La libertà femminile nel passaggio
dalla governamentalità biopolitica
a neoliberale

9 Giovanna Borrello
Il ben/ESSERE nell’esperienza
lavorativa di oggi a partire da uno sguardo e disegno femminile

10 Alessandra Chiricosta
Oltre il Postcolonial Feminism
nel Sudest Asiatico.
Una critica al neoliberalismo

11 Monica Pasquino
Otium e negotium. Capitalismo finanziario, precarietà e disparità di genere

Tristana Dini
Postfazione

Per ordini e informazioni, mentre arriva in libreria: 0824 21772 oppure: a.salerno@natanedizioni.it

acquistalo su IBS

Comitato scientifico del Festival: Stefania Tarantino, Nicola Magliulo, Nicola Capone, Esther Basile, Rosi Rubulotta, Maria Teresa Moccia Di Fraia, Marino Niola, Iaia de Marco.

Vai al sito

Lectio alla Metis

aprile 5, 2014 IN CORSO

Sabato 5 Aprile, h. 10.00 presso LA PALESTRA DELLA MENTE di METIS.

Piazza Canneto,n. 7( uscita tang. Arenella, Metrò Collinare S. Rosa)
CONVEGNO: Violenza e Guerra. Anna Politko
Continue reading

VI Festival di Narni

settembre 10, 2013 IN CORSO
VI Festival Internazionale della letteratura-saggistica

Filosofia-Arte

Alchimie e linguaggi di donne

I saperi tra teoria e narrazione

Sabato 21 settembre – Museo Eroli – ore 16.40

 

Filosofe di fronte alla crisi: Patrizia Caporossi, Stefania Tarantino, Alessandra Di Tommaso, Claudia Melica, Anna Heiz, Esther Basile

Dopo Paestum a Napoli

novembre 26, 2012 IN CORSO

Dopo l’incontro di Paestum che ha visto più di 800 donne italiane discutere della politica e di come le donne possano incidere per un radicale e non più prorogabile cambiamento di civiltà, è importante raccogliere e fare il punto della situazione con le donne che da Napoli sono venute a Paestum e con donne e uomini che, per quanto non abbiano partecipato all’incontro, hanno desiderio di essere presenti per capire lì cosa è accaduto.

Continue reading

Amica nostra Angela

ottobre 20, 2012 IN CORSO

“Il termine pathos traduce la trasformazione reale di sé, e quindi del proprio corpo. Il pathos dice quindi che la trasformazione reale è fisica, ciò è valido anche per quello che la mente condivide e intende ed è il pathos il vaglio della realtà di un pensiero: non vi è pensiero reale che non incida sulla materia che noi siamo.” Angela Putino