CONFERENZE

Séminaire FMSH

Au-delà du genre. Parole, corps, politique, désir

(Méditerranée / Caraïbe / Brésil)

Responsable : Christiane Veauvy

Co-responsable : Mireille Azzoug

 

La prochaine séance de notre séminaire aura lieu le lundi 20 novembre de 17h à 19h, à la Maison des Sciences de l’Homme, 54 boulevard Raspail (75006), en salle B1-18 (premier étage).

Nous aurons le plaisir d’accueillir Stefania Tarantino, philosophe féministe de Naples, chercheuse à l’Université l’Orientale et collaboratrice de la Chaire d’Histoire de la philosophie à l’Université “Federico II”. Sa conférence sera intitulée :

“Lectures de Simone Weil dans le mouvement féministe italien”

Philosophe et écrivain française, Simone Weill, dont la vie a été brève (Paris, 1909 – Ashford, Kent, 1943), a laissé une oeuvre très importante, néanmoins mal connue dans son pays natal alors qu’elle a été lue, étudiée, discutée davantage dans plusieurs pays d’Europe occidentale, en particulier en Italie, dans le mouvement féministe et ailleurs.

Le regain d’intérêt qui se manifeste en France à l’égard de Simone Weill et de son oeuvre depuis quelques années nous a incitées à faire appel Stefania Tarantino qui en est une spécialiste (voir ci-dessous son curriculum vitae). Elle introduira sa conférence par une brève rétrospective de ce réveil français et des lectures weilliennes menées en Europe occidentale, puis nous présentera les lectures de Simone Weill à l’oeuvre dans le féminisme italien (voir l’abstract ci-dessous)

Stefania a contribué antérieurement à plusieurs séances de notre séminaire, notamment par une analyse du féminisme italien dans la crise (suite aux rencontres de Paestum) et une présentation des philosophes féministes en Europe du Sud (en collaboration avec Rosa Rius Gattell, Barcelone). Les textes de ces interventions sont disponibles sur internet (Archives audio-visuelles de la recherche, FMSH-AAR).

Nous espérons vous retrouver nombreuses et nombreux à la séance du 20 novembre

Bien cordialement

 

Christiane Veauvy                                       Mireille Azzoug

(veauvy@msh-paris.fr)                             (mireille.azzoug@gmail.com)

 

 

Abstract

La pensée de la différence italienne s’est beaucoup nourrie de la réflexion philosophique de la philosophe française Simone Weil, à la fois parce que sa pensée a plongé jusqu’aux racines de ce qu’a de fallacieux la métaphasique traditionnelle, et parce qu’elle a ouvert la voie d’une politique du symbolique qui s’est révélée extrêmement féconde. Dans mon intervention, je vais essayer de mettre en évidence les concepts weiliens que le féminisme italien a retravaillés dans un dialogue incessant avec elle. Bien que Simone Weil, de son côté, n’ai pas été une féministe et qu’elle ait considéré en fait la différence sexuelle comme un véritable obstacle, elle a épanoui de nombreux possibles intéressant la pensée et la pratique politique des femmes, mais aussi l’humanité entière.

Curriculum vitae

Stefania Tarantino, philosophe de Naples, est chercheuse à l’Université l’Orientale et collaboratrice de la Chaire d’Histoire de la philosophie à l’Université “Federico II”. Elle est titulaire de deux doctorats en philosophie, dont l’un a été obtenu à l’Université de Genève (Suisse) et l’autre à l’Institut des sciences humaines (Naples/Florence). Elle a obtenu la qualification nationale auprès du Ministère de l’éducation et de la recherche universitaires en tant que professeur agrégé en histoire de la philosophie et en philosophie politique. Ses recherches insistent sur l’originalité des femmes philosophes du XXe siècle face à la tradition métaphysique occidentale. Elle a donné des séminaires auprès de l’Institut Italien d’études philosophiques à Naples (www.iisf.it) et participé pendant plusieurs années à l’Ecole de la différence (Scuola estiva della differenza) créée et organisée à Lecce par Marisa Forcina. Elle a donné des conférences sur le féminisme italien dans le séminaire « Genre, politique, sexualité(s). Orient / Occident » dirigé par Christiane Veauvy et Mireille Azzoug à la Fondation Maison des sciences de l’homme; elle a bénéficié d’une invitation de cette institution en tant que DEA (octobre 2014). Elle est membre depuis du 2006 du collectif de la revue online AdaTeoriaFemminista (www.adateoriafemminista.it), fondée par Angela Putino et Lucia Mastrodomenico.

Elle est l’auteure de plusieurs ouvrages et de nombreux articles, parmi lesquels : La libertà in formazione. Studio su Jeanne Hersch e María Zambrano, Mimesis, Milano 2007; Pensiero e giustizia in Simone Weil (sous la direction de), Aracne, Roma 2009; Esercizi di composizione per Angela Putino. Filosofia, differenza sessuale e politica (sous la direction de), Liguori, Napoli 2010; Rosa Rius Gatell & Stefania Tarantino, Philosophie et genre: Réflexions et questions sur la production philosophique féminine en Europe du Sud au XXe siècle (Espagne, Italie), FMSH-WP-2013-40, août 2013 ; Femminismo e Neoliberalismo. Libertà femminile versus  imprenditoria di sé e precarietà (sous la direction de), Natan, Benevento 2014 ; Άνευ μητρός/senza madre. L’anima perduta dell’Europa. Maria Zambrano e Simone Weil, Collana Diotima – Questioni di filosofia e politica, La Scuola di Pitagora, Naples 2014; 2016, Réflexions sur les ascendances kantiennes de la pensée de Simone Weil. Force morale et liberté, in “Revue Tumultes”, Oppressions et liberté. Simone Weil ou la résistance de la pensée, sous la direction de P. Devette – E. Tassin, Editions Kimé, n. 46, Paris; La liberté et l’expérience politique des femmes face à la crise: les féminismes italiens et leurs prolongements au XXIe siècle, in FMSH-WP-2016-112. 2016 <halshs-01306308>; María Zambrano, habitante del mundo y pensadora de la paz, en “Aurora” Papeles del Seminario María Zambrano. Dipartimento di Storia della filosofia di Barcellona, nº 17, 2016; L’obbligo di pensare. Una riflessione a partire da Hannah Arendt, Simone Weil e Jeanne Hersch, in Il diritto alla filosofia. Quale filosofia nel terzo millennio?, sous la direction de L. Candiotto e F. Gambetti, Diogene Multimedia 2016 ; La teoria non è un ombrello. Dieci anni di AdATeoriaFemminista. 2006-2016 (sous la direction de), Orthotes, Napoli 2017; 2018, Chiaroscuri della ragione. L’eredità di Kant nelle filosofe del XX secolo, Guida, Napoli (à paraitre, septembre 2018).

 

Scarica il pdf: Invitation sémin 20 nov 17

All’Istituto italiano per gli Studi filosofici, prende il via lunedì 20 marzo e proseguirà fino a venerdì 24 marzo, alle ore 16, il seminario Filosofe per la pace, a cura di Stefania Tarantino (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”). Le giornate seminariali saranno scandite come segue:

Lunedì 20: “Pensare la pace”. Una premessa in compagnia di Immanuel Kant e di Umberto Eco; – martedì 21: Guerra e pace in Hannah Arendt; – mercoledì 22: L’empatia che porta al disarmo: Edith Stein; – giovedì 23: Riflessioni sulla guerra e sull’Iliade o il poema della forza di Simone Weil; – venerdì 24: Maria Zambrano. I “luoghi naturali” della condizione umana: pace e libertà.

Il seminario si propone di indagare l’enorme potenzialità creativa insita nelle riflessioni di alcune filosofe del XX secolo. Per loro, infatti, dar vita a un’altra storia è possibile solo a partire da una risignificazione della struttura epistemica occidentale. La posta in gioco è arrivare al superamento di quel germe totalitario sul quale, come sappiamo, la storia ufficiale e tradizionale si fondano. Ma, per cambiare e rettificare il corso della storia, dobbiamo, innanzitutto, cambiare noi stessi e comprendere fino in fondo i meccanismi delle “oscure radici dell’umano”. Un’educazione alla pace comporta lavorare innanzitutto su noi stessi, sulla formazione della nostra soggettività. E significa, anche, imparare a dare il giusto valore alla nostra parzialità, a riconoscere il nostro posto del mondo sapendo di non essere il tutto. Significa dunque fare fino in fondo i conti con la nostra vulnerabilità e con la nostra forza in maniera consapevole e responsabile per tentare di liberarci da tutte quelle forme “assolute” e “totalitarie” che continuano, in un modo o nell’altro, a nutrire il nostro presente.

Il paese delle donne on line

Scarica la locandina 20-24 marzo Tarantino

martedì 22 novembre 2016 ore 18:00 – l’asilo
DONNE E COSTITUZIONE
discussione aperta sul referendum costituzionale del 4 dicembre

interventi di Maria Luisa Boccia, Anna Fava, Chiara Guida. Modera: Stefania Tarantino

L’incontro sarà l’occasione per approfondire il rapporto tra “donne e costituzione”. Di fronte al bivio posto dal referendum costituzionale del 4 dicembre tra una democrazia inclusiva, per cui tutti sono chiamati a partecipare alle decisioni collettive, e una di tipo pastorale, per cui il governo guida il popolo, siamo chiamati tutte e tutti ad un confronto critico e serratoche. Il referendum non sarà di certo un punto d’arrivo delle nostre discussioni, ma a nostro avviso può essere il punto di partenza per una grande riflessione sull’attuazione della Costituzione repubblicana e dei diritti e delle libertà da essa garantiti.

approfondisci sul sito http://www.exasilofilangieri.it/donne-costituzione-discussione-sul-referendum-del-4-dicembre/
__
l’Asilo è uno spazio pubblico autogovernato da lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura. Tutte le iniziative sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale.

Si trova in vico Giuseppe Maffei (traversa di San Gregorio Armento) Napoli
www.exasilofilangieri.it

 

asilo-ref4

iisf

11/15 aprile 2016 ore 16.30

Istituto Italiano per gli studi filosofici

Via Monte di Dio, 14

Napoli

Seminario a cura di Stefania Tarantino

Leggi tutte le informazioni sul seminario

 

Si è svolto dall’11 al 15 aprile 2016 il seminario dal titolo “Genere, sesso, sessualità. Sviluppi attuali del femminismo contemporaneo” svoltosi presso l’Istituto Italiano per gli studi filosofici di Napoli (ore 16), in cui abbiamo attraversato il pensiero di alcune femministe contemporanee: Judith Butler, Rosi Braidotti, Julia Kristeva, Luce Irigaray e, per l’incontro di chiusura di oggi pomeriggio, Luisa Muraro. Sono partita spiegando le ragioni che mi hanno spinta a proporre questo programma. Innanzitutto la necessità di aprire uno spazio di approfondimento in un momento di grande confusione caratterizzato soprattutto da aggressività e arroganza diffusa. Poi, il fatto che nonostante le grandi differenze, queste donne hanno inteso il femminismo come una pratica di trasformazione non solo del proprio sé ma della realtà tutta intera, decostruendo con i loro discorsi quell’ontologia individualista e proprietaria che caratterizza la storia occidentale. Intendere l’ontologia in senso relazionale, significa rendere conto dell’irreversibile complessità di ciò che siamo e dell’impossibilità di riduzione di ciascuna/o di noi al tutto. Ho indicato come metodo di lavoro il tenere insieme la distinzione segnalata da Angela Putino tra interpretazione e aderenza. L’interpretazione segna un percorso in un testo altrui, l’aderenza, invece, va a riscrivere il testo altrui. Normalmente siamo abituate/i a restare nell’interpretazione e nella fedeltà ai testi non tenendo conto del nostro apporto creativo. L’elemento dell’aderenza, invece, ci consente di agire creativamente sui testi a partire da ciò che essi smuovono e suscitano in noi. Altro punto che ho segnalato è la necessità di sperimentare la nostra stessa estraneità rispetto a ciò che già sappiamo, ai saperi e ai discorsi già dati. Sospendere tutto ciò che è scontato per fare del non abituale qualcosa di importante visto che solo così abbiamo la possibilità di vedere dell’altro rispetto a ciò che già vedevamo. In questo senso, il darci un taglio, rappresenta davvero una risorsa utile per il pensare stesso e per pensare differentemente. Se il femminismo ha sempre criticato e smantellato il potere assunto da una voce unica e incontrastata, si tratta oggi di capire come, di fronte alla pluralità di posizioni così diverse e conflittuali, in cui a volte sembra che ognuna/o abbia a cuore solo la rivendicazione a sé di qualcosa, sia possibile realmente confrontarsi per tirare fuori quella forza positiva e affermativa di cui abbiamo bisogno. Stefania Tarantino

Qualche riflessione di Tuula Haapiainen sul seminario. Leggi

L’Europa delle Città Vicine
è il titolo del convegno che ha visto, domenica 21 febbraio 2016 alla Casa Internazionale delle donne
di Roma, circa centoventi donne e uomini, più donne che uomini, provenienti da molte città, misurarsi sulla crisi dell’Europa e
sulle prospettive e possibilità, a partire dalle esperienze già in atto, di aprire nuove vie per un’Europa più vicina alle vite, ai
bisogni, ai desideri.

Leggi il report di Franca Fortunato

 

Libreria delle donne di Milano

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Giovedì 26 nov ore 16.30 al Pan di Napoli ci sarà un incontro-dibattito dal titolo Le parole delle donne” nell’ambito degli eventi organizzati dalla Consulta delle Elette del Comune di Napoli. Discuteremo dei temi dei libri di Stefania Tarantino “Senza Madre”. L’anima perduta dell’Europa (ed. La Scuola di Pitagora) e del libro di Marcella Torre “Latte Materno? Si, grazie”.

Vi aspettiamo numerose!

Qui il programma di tutti gli eventi

 

putesseessereallera

 

Stefania Tarantino (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”)
GENERE, SESSO, SESSUALITÀ: SVILUPPI ATTUALI DEL FEMMINISMO CONTEMPORANEO
11-15 aprile 2016.
Per una futura articolazione dell’umano in Judith Butler –
Il postumano di Rosi Braidotti –
Il genio femminile di Julia Kristeva –
La natura a due in Luce Irigaray –
Ordine sociale e ordine simbolico in Luisa Muraro
Laddove possibile sarà prevista una videoconferenze con le autrici di riferimento.
Scuola di Minturno
In collaborazione con il Liceo Scientifico “L.B. Alberti” di Minturno e con l’Associazione Culturale “Grido Libero” di Formia
VOCAZIONE FILOSOFICA E PRESENZA AL PROPRIO TEMPO
Lunedì 5 ottobre Amato Polidoro (Dirigente Scolastico) Nilo Cardillo (Dirigente scolastico):
Introduzione
Stefania Tarantino (Università degli Studi di Napoli L’Orientale):
La questione dei diritti umani secondo Jeanne Hersch
Martedì 6 ottobre
Teoria del giudizio politico in Hannah Arendt
Nicola Terracciano (Dirigente scolastico): Conclusioni
Direzione e Coordinamento: Prof. Amato Polidoro, (Dirigente Scolastico, Liceo Scientifico L. B. Alberti di Minturno, Tel. 0771680620
per altre informazioni si rimanda alla pagina dell’Istituto Italiano per gli studi filosofici

In relazione: perché? E soprattutto come? Bioetica, biopolitica e tanatopolitica

XIII Edizione Scuola Estiva della Differenza

7 – 10 settembre 2015

Monastero delle Benedettine
Piazzetta Conte Accardo – Lecce

Essere in relazione: pratica politica femminile tematizzata già quarant’anni fa, ma che si presenta con l’urgenza di essere ripensata, non tanto nella direzione di una prospettiva democratica, che risponderebbe alla domanda “perché?”, ma nella direzione di un come che corrisponde meglio alla pratica della differenza. Un come che fa trasparire il metodo nuovo che non è più quello dei saperi e delle discipline esterne che pretendono di rappresentare l’universalità, ma un metodo che si affida a un sapere plurale e pure condiviso, perché sentito, sperimentato in prima persona e insieme percepito come comune.

L’anno scorso, nella “Scuola Estiva della Differenza” eravamo partite dal desiderio di fare il punto su ciò che è davvero essenziale nelle nostre vite di donne. In una società sempre in crisi e sempre pronta a rimescolare sicurezze e strategie, in molte avevamo sottolineato il desiderio di poter far leva sulla forza che è molla per la nostra libertà. Ed è imprescindibile. Fedeli al progetto di essere sempre nel tempo, continuiamo quest’anno a interrogarci sul come accedere a questo nocciolo di verità e libertà che riconosciamo essere tra noi, ma che ci è presentato, sempre più spesso, avvolto in modo contraddittorio in un involucro apparentemente logico, garantito da norme e discipline e saperi specializzati, e tanto perfettamente calibrato quanto svuotante e insensato.

Continuiamo a interrogarci sul perché quel nocciolo di verità, quanto più ci è proposto come assoluto tanto più lo percepiamo come un qualcosa di astratto, che prescinde dai nostri corpi e dai nostri desideri e ci offre certezze a buon mercato e libertà individuali incapaci di modificare alcun paradigma. Continuiamo a interrogarci sul perché quella che viene rappresentata come una parvenza di ripresa economica, istituzionale e di costume appaia a sua volta come una nuova manovra gestita dalla crisi economica internazionale, che ha bisogno di darci sicurezza per mantenerci in stallo. Abbiamo imparato a leggere e decostruire paradigmi istituzionalizzati, stiamo imparando con sapienza e pazienza ad accedere a quei nuclei di verità incartati in opacità pesanti, ma soprattutto abbiamo imparato che l’amore per la libertà, come ogni amore, non può essere un’esperienza che si fa da sole, da soli: per amare bisogna essere in relazione, in solitudine proprio non si può. In una società con parametri economici, lavorativi e dottrinari decisi da uomini per uomini, l’essere in relazione aiuta a dare risposte a questi tanti perché. Ma come si sta nella relazione? nella pluralità della relazione, non nella relazione di appartenenza, si può costruire il proprio radicamento. È nella pluralità della relazione che si trova nutrimento e sicurezza per le proprie scelte, è nella relazione che si possono compiere scelte condivise. Nella relazione impariamo l’ascolto e nella relazione siamo aiutati a muoverci tra più sicuri percorsi di autenticità e, perché no, anche più certi sentieri di felicità…

Programma:

7 settembre 2015

9.00 Inaugurazione della Scuola – Saluti delle Autorità
Claudia Summa, Pari Opportunità Università del Salento
Serenella Molendini, Consigliera di parità Regione Puglia

10.00 In relazione, perché? – Marisa Forcina, Università del Salento
Nel labirinto del pensiero – Francesca Brezzi, Università Roma Tre
Mistica e politica. una relazione impossibile? – Anonietta Potente, teologa
Il sogno dell’assoluta autonomia – Fina Birules, Università di Barcellona

15.00 Iscrizione ai laboratori
Meditazione (Suor Luciana)
Coro (Danila De Leo) Università del Salento

16.00 Che “genere” di bioetica? – Luisella Battaglia, Università di Genova
Porque soy una nina – Maria Dolors Molas, Università di Barcellona
Giochi e contatto fisico nei topi con Alzheimer, Lidia Gimenez, Università di Barcellona

8 settembre 2015

9.00
Esitare, perché? – Donatella Grasso, Università del Salento
Perché tre? – suor Luciana, Monastero delle Benedettine
In genere – Geneviève Fraisse, CNRS France

15.00 Laboratori

17.00
Vicino oriente: mistica e politica – Samuela Pagani, Università del Salento
Relazioni nel Postpatriarcato – Irene Strazzeri, Università di Foggia
Oltre i confini – Alessandra Chiricosta, Università Roma Tre

9 settembre 2015

9.00
Corrispondenze – Elena Laurenzi, Università di Barcellona
Tu falla ridere… perché – Fiorella Cagnoni, scrittrice
Parole musica e politica alla fine degli anni ’60 – Laura Pisano, Università di Cagliari

15.00 Laboratori

17.00
Femminismo e neoliberalismo – Tristana Dini, Università di Salerno
Europa senza madre – Stefania Tarantino, Università di Napoli L’Orientale
Nell’arte: quali relazioni? – Pina Nuzzo, pittirice

10 settembre 2015

9.00
Repensar la comunidad – Marhta Segarra, Università di Barcellona
Il trucco – Ida Dominijanni
Autorità e/è relazione – Luisa Muraro, Libreria delle Donne di Milano

15.00 Laboratori

17.00
Conclusioni – relazioni dei/delle partecipanti
Gruppi di discussione
Prova finale del coro

INFO

La scuola, che ha come meta quella di sperimentare in gruppo un itinerario che sia insieme culturale, politico, spirituale, nelle ore pomeridiane, dalle 15 alle 17, prima dell’inizio dei lavori prevede due laboratori: uno di meditazione e preghiera e un altro di canto in coro. A chi ne farà richiesta, avendo frequentato tutte le 43 ore di lezioni e seminari e avendo stilato una relazione finale, verrà rilasciato un attestato di partecipazione valido per tutti gli usi consentiti dalla legge, essendo la scuola attività di aggiornamento e formazione riconosciuta dall’Università del Salento. Per legli studenti dell’Università del Salento che presenteranno anche un elaborato scritto, l’attestato indicherà il numero di crediti che le singole Facoltà avranno deciso di riconoscere al percorso formativo offerto dalla scuola. La scuola è a numero chiuso: 30 posti sono riservati alleagli studenti dell’Università del Salento, 20 al personale docente o tecnico amministrativo dello stesso Ateneo salentino, 20 alleagli studenti dell’Università di Roma Tre, e 30 sono i posti per legli esterni. L’iscrizione prevede un versamento di 150 euro e comprende il volume degli atti della precedente edizione e le quote per i pranzi dall’7 al 10 settembre. La scuola si impegna a fornire indicazioni su B&B convenzionati per l’occasione al prezzo speciale di 30 euro a notte. Per legli studenti e per il personale dell’Università del Salento la quota di iscrizione ammonta a 35 euro. La comunità delle Benedettine partecipa all’iniziativa offrendo la collaborazione editoriale e l’organizzazione degli incontri comuni.

Le iscrizioni vanno indirizzate alla segreteria:
Tel. 0832 296310 – 339 1049259 – marisa.forcina@unisalento.it

iisf

13-16 aprile 2015
Stefania Tarantino
(Università di Napoli L’Orientale):
CON KANT, OLTRE KANT:  LA QUESTIONE DELLA LIBERTÀ NELLA FILOSOFIA DEL XX SECOLO
Lunedì 13: Jeanne Hersch filosofa della libertà. – Martedì 14: Necessità e libertà in Simone Weil. – Mercoledì 15: La libertà come praxis in Hannah Arendt. – Giovedì 16: La vocazione alla libertà: l’esempio di Antigone in Maria Zambrano.

TARANTINO

 

Istituto2

Programma completo delle lezioni dell’Istituto

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il comune di Napoli – in collaborazione con le associazioni femminili locali, i sindacati, la asl, l’Universitá Federico II, gli assessorati alle pari opportunità, alle politiche sociali, all’istruzione, ai giovani, le consigliere comunali e municipali e le singole donne – promuove una riflessione partendo dalle sue pratiche, in confronto aperto con le donne della cittá.

Continue reading

Saragozza

ottobre 31, 2013 CONFERENZE

Association pour l’étude de la pensée de Simone Weil

 

Colloque annuel

« Simone Weil et sa génération :

Courants de pensée et mouvements politiques »

  Continue reading

Giovedì  6 giugno 2013 alle ore 18,00 presso il Sedili caffe’

Napoli, piazza San Domenico Maggiore

appuntamento con il cafe’ philo’

la prof.ssa  Stefania Tarantino  terrà una lectio sul tema

La trasparenza del cuore: le filosofe e l’amore
Continue reading

Venerdì 12 aprile

aula 2

15,30 -19,30

La mediazione femminile nella pratica politica

Prof.ssa Stefania Tarantino

Università degli studi di Napoli “Federico II”

4-7 febbraio 2013

Filosofia de la paz y justicia restaurativa

6 febbraio ore 17.30 Stefania Tarantino: La función guerrera. Una visión feminista de la cultura de la paz.

Convegno CNR

novembre 22, 2012 CONFERENZE

Le “borie” vichiane come paradigma euristico.
Hybris dei saperi filosofici fra moderno e contemporaneo.

22-23 novembre 2012

presso la sede dell’Istituto Italiano di Scienze Umane

 

titolo: “Universale concreto e amore delle apparenze: Simone Weil e Hannah Arendt”

 

Convegno di studi 

“Lo stato costituzionale ha a disposizione un patrimonio argomentativo, indipendente da tradizioni religiose e metafisiche, o ha necessità, per potersi stabilizzare, di un fondamento pre-politico metafisico o religioso esterno?” A partire da questo interrogativo, formulato in uno dei suoi ultimi saggi dalla compianta collega Vanna Gessa Kurotschka, si svilupperà la riflessione collettiva in un convegno di studi dal titolo: “Tra religione e ragione. Tensioni e aporie della democrazia“, inserito nel quadro del progetto di rilevante interesse nazionale prin 2009 su: “Umanesimo, religione e democrazia politica nel terzo millennio”.
Continue reading

190 avenue de France 75 013 Paris

Séminaire « Genre, politique, sexualité(s). Orient/Occident »

Alain Naze
docteur en philosophie, professeur certifié en philosophie à Quimper
présentera ses recherches sur le thème:

Le féminisme critique de pasolini Continue reading

Il 14 febbraio 2011 alle ore 15.00 si terrà un incontro sul pensiero di Angela Putino all’Università di Salerno.

Breve scheda di Angela Putino

Riporto alcune notizie utili per chi non ha mai incontrato e conosciuto Angela Putino. Nata a Napoli nell’aprile del 1946, si laurea in filosofia morale presso l’Università degli studi di Napoli, con  Pietro Piovani, con una tesi su Karl Jaspers. Nel 1981 vince il concorso di ricercatrice presso l’università di salerno dove diventa in seguito professore associato. Il filo conduttore della sua ricerca è in particolare il tema dell’alterità considerata sia come bordo di un fuori che attraversa la scrittura e la sintassi narrativa, sia come modulazione intersoggettiva delle differenze che si esprime in una sfera etico-politica. aspetto connesso a quest’ultimo, quale inevitabile risvolto, è quello della normazione dell’esistenza umana e dell’interesse del potere politico, in un primo tempo per il vivente e poi per la vita. Nell’ambito etico-politico, il filo è tenuto sul percorso del post-femminismo, nel comparire di un soggetto non neutro né oggettivante. ha sempre vissuto a napoli con molti gatti.

Quale felicità? Dal PIL al BIL: tempo, denaro, lavoro e benessere.

La scuola ha come meta quella di sperimentare in gruppo un itinerario che sia insieme culturale, politico, spirituale. Quest’anno ci interrogheremo sul senso della felicità e del rapporto tra denaro, lavoro, benessere economico e politiche di cittadinanza. La crisi che le società di mercato stanno attraversando è solo crisi economica o anche crisi relazionale, esasperata dalla grande illusione del mercato che ha monetizzato ogni tipo di relazione umana? Quale politica per un modo migliore di essere comunità che consenta attraverso la riappropriazione del tempo per sé un più vero benessere? Sono temi che appartengono alla filosofia, alla politica, all’economia e alla religione, ma che sono profondamente trasformati da una “differenza” di sguardo e di esperienza e, pertanto, anche in grado di trasformare noi stesse\i e ciò che ci circonda, aprendo a un’azione politica radicale. E’ importante narrare questi percorsi per comprendere quello che accade a ciascuna\o di noi, ma che non riguarda solo noi, e che ci consente di agire con consapevolezza, fiducia e responsabilità politica.

Istituto Svizzero di Roma
Jeanne Hersch: un’intellettuale «presente al suo tempo»
Giovedì 17 giugno 2010
Ore 15.00 Continue reading

1)    1999 comunicazione presentata alla tavola rotonda organizzata dall’Università di Barcellona sul pensiero di María Zambrano dal titolo “Ciudad historica y ciudad de l’alma“; Link

2)    2000 comunicazione presentata alla tavola rotonda organizzata dall’Università di Barcellona sul pensiero di María Zambrano dal titolo “Tiempo y ser en María Zambrano y San Agustin”; Link

3)    2002 (4 maggio), comunicazione presentata in occasione dell’incontro-dibattito organizzato a Milano dal titolo “Sconvegno: quali soggettività femministe oggi“; Continue reading